Quanto devono costare gli eBook?

Un articolo del Corriere.it pone l'accento sugli eBook troppo costosi. Alcuni grandi editori sono stati messi sotto indagine della Commissione europea con l’accusa «di aver stipulato accordi illegali o messo in atto pratiche anticompetitive con effetti restrittivi sulla concorrenza e la competizione».

Il Corriere continua in questo modo:
In altre parole, questi editori avrebbero creato un cartello per tenere alti i prezzi degli ebook legalmente scaricati dai propri siti, a ovvio svantaggio dei consumatori. Che però sono passati all’offensiva, non esattamente autorizzata, dando vita ad una serie di siti dove è possibile scaricare gratis ebook che, invece, altrove sono a pagamento. Insomma, un Napster in chiave editoriale, con conseguenti danni economici per le compagnie. Del resto, creare copie digitali di libri cartacei è un giochetto da ragazzi, visto che bastano un computer, uno scanner e un software di conversione dei file in formato ebook, scaricabile dal web. «Un Kindle non ha protezione contro gli ebook pirata – si legge su un sito "non consentito" – e ci sono programmi che possono convertire qualunque porzione di testo in modo semplice e nel formato corretto, per mostrarlo sul vostro Kindle come se lo aveste comprato».
E voi, cosa ne pensate? Credete che la politica opposta di Kipple, dei prezzi bassisimi e senza DRM, alla luce di questa notizia abbia davvero un senso?

Archivio